Smartphone: come sceglierne uno adatto ai figli

Smartphone: come sceglierne uno adatto ai figli

Ormai nella maggior parte delle famiglie anche i bambini possiedono uno smartphone. La motivazione è semplice: questi dispositivi ci permettono di essere reperibili 24 ore al giorno. Un figlio che tarda nel rientro da scuola o che ha una necessità impellente può chiamare tranquillamente i genitori in ogni momento della giornata, senza dover chiedere aiuto ad un adulto. Ovviamente gli smartphone per i bambini devono essere di tipo facile da usare, resistente e non eccessivamente costoso. Del resto stiamo parlando di uno smartphone da utilizzare quasi esclusivamente per telefonare, con poche piccole opzioni da sfruttare quando necessario.

I modelli low cost
Anche se uno smartphone per bambini dovrà essere di tipo basic, senza troppi fronzoli, è comunque importante che possieda alcuni elementi importanti: tra cui una lunga durata della batteria, resistenza all’acqua (trovarsi sotto alla pioggia estiva capita più ai bambini che ai loro genitori), connessione a internet e calendario con sveglia. La maggior parte delle funzionalità non saranno utilizzate da nostro figlio, che ad esempio potrà sfruttare la connessione a internet solo quando siamo presenti anche noi al suo fianco. È pur sempre vero però che poter verificare in ogni momento dove si trova oggi è un’esigenza sentita da tantissimi genitori, soprattutto da chi vive nelle grandi città. Stiamo quindi parlando di prodotti low cost, ma di ultima generazione, ricchi di accessori e pratici dai utilizzare. Visto che intendiamo spendere cifre non eccessive ci possiamo rivolgere verso i nuovi cellulari offerti dalle marche cinesi, come ad esempio xiaomi. Si tratta di dispositivi di ultima generazione, che costano mediamente meno, rispetto a modelli del tutto simili di case più note e famose. Potremo così avere a disposizione diversi modelli di smartphone a costi inferiori ai 100-150 euro, senza dover rinunciare a nulla.

Smartphone per bambini
In linea generale ad un bimbo piccolo, con età inferiore ai 10 anni, lo smartphone non serve. Conviene quindi evitare di scegliere tra i prodotti per la prima infanzia oggi disponibili sul mercato. Si tratta infatti di oggetti che hanno un costo decisamente alto, con alcune restrizioni importanti per quanto riguarda le prestazioni. L’idea di acquistare un telefono low cost, che monitoreremo poi noi a nostro piacimento è ancora la migliore, evitando prodotti “appositamente per bambini”. Anche perché gli adolescenti tendono a non amare di essere considerati ancora bambini, trovarsi tra le mani un oggetto “da adulti” li fa sentire più sicuri di sé.

Controllare ciò che fanno i nostri figli
Chi è costretto ad acquistare uno smartphone per i propri figli tende sempre a temere che il dispositivo sia poi utilizzato in modo improprio. Quando dobbiamo fare delle scelte di questo tipo ricordiamoci sempre che i primi educatori dei nostri figli siamo noi: non è evitandogli le esperienze che riusciremo ad insegnare loro il rispetto degli altri e delle regole. Meglio quindi consentire loro l’uso dello smartphone solo in particolari ore della giornata, limitando ovviamente l’utilizzo di internet e di alcune funzionalità del telefono. Del resto a fine serata potremo poi monitorare tutto.